Archivio della Categoria 'Uncategorized'

E’ nata Alice Fidanza

Lunedì 25 Giugno 2007

Oggi, lunedì 25/06/2007 dopo una lunga attesa di ben più di 41 settimane è nata Alice, 3,860 kg x 52,5 cm.
AliceMonica, Malix e Alice

Utilizzo dell’Open Source nella Pubblica amministrazione

Lunedì 12 Febbraio 2007

Non è una questione politica ma piuttosto una questione morale.

Molti sanno cos’è un computer, e che, per funzionare, ha bisogno di un sistema operativo e del relativo software, ma sicuramente in pochi sanno che esiste del software Open Source, da ora OS, che va dal sistema operativo al video gioco passando per programmi di video scrittura e grafica.

Vediamo, ora, cos’è un software OS, magari qualcuno avrà anche sentito parlare di Linux, anche se la maggior parte delle persone che usa il computer crede che esista solo l’onnipresente Windows.

Linux non è che il nome più noto della grande famiglia dei programmi OS, spieghiamo ora di cosa si tratta, ci sono fondamentalmente 3 grandi categorie di programmi:

i programmi commerciali, che hanno un costo di licenza, questo costo deve essere corrisposto per ogni postazione sulla quale si intenda utilizzarli;
i programmi gratuiti (freeware), che possono essere utilizzati liberamente ma a volte con alcune restrizioni;
i programmi a sorgente aperto (appunto Open Source), ciò che contraddistingue questi programmi è la licenza d’uso che non permette solo di utilizzarli gratuitamente, ma anche di modificarli a proprio piacimento e di adattarli alle proprie esigenze.

Mi preme puntualizzare un concetto, è pur vero che questi programmi sono completamente gratuiti, ma nulla vieta che qualcuno possa venderli, questo sembrerebbe un controsenso, ma chiunque ha la facoltà di richiedere un pagamento per il tempo impiegato nella personalizzazione e nella manutenzione di questo genere di software, così come chiunque sia in grado possa scegliere di compiere, autonomamente, queste operazioni. La vera “potenza” sta proprio nel fatto che il sorgente è aperto a chiunque voglia modificarlo ed adattarlo alle proprie necessità e a quelle degli altri.

Veniamo quindi al titolo di questo articolo: in che modo l’uso di software OS si riflette positivamente sulla Pubblica Amministrazione (PA) e di conseguenza nelle tasche di tutti noi cittadini? I motivi sono tanti, ma i più importanti riguardano proprio la natura aperta di questo genere di software, infatti le amministrazioni non avrebbero vincoli verso nessun fornitore, che il più delle volte cerca di incastrare i clienti nelle proprie maglie in modo da poter spillare loro più soldi possibili, tutto questo, con il software OS, non sarebbe possibile visto che ci sono in giro tantissime persone in grado di poterlo modificare ed inoltre, i programmi, realizzati da una amministrazione, potrebbero essere riutilizzati senza nessun vincolo da altre amministrazioni, questo ridurrebbe i costi e migliorerebbe sempre più gli strumenti per la gestione automatizzata della pubblica azienda.

Da ciò si evince che i minori costi di gestione si traducono in minore spesa e, di conseguenza, costi ridotti per il cittadino con una maggiore affidabilità e una maggiore efficenza.

Naturalmente il passaggio al software OS non è indolore né in termini di costi né in termini di formazione del personale, infatti, il software preesistente necessita, il più delle volte, di un adattamento alle singole esigenze di un organo amministrativo, comportando uno sviluppo che richiede costi.
Detti software hanno un funzionamento che, a volte, si discosta da quelli già presenti in azienda e richiedono una nuova formazione del personale, personale abituato da anni a lavorare su programmi molto più blasonati. Tutto ciò, comunque, non deve spaventare perché con il tempo e un po’ alla volta il cambiamento sarà meno doloroso, molte istituzioni pubbliche, hanno già, al loro interno, personale che si avvale di questa categoria di programmi, ma molto di più deve essere fatto, in modo da far prevalere la presenza del software OS all’interno della PA.

(Articolo pubblicato sul Giornale “Cronaca d’Abruzzo e del basso Molise” anno IX - n. 38)